Olio DOP Garda: annata eccezionale

A differenza della maggior parte delle regioni italiane, dove l’ultima campagna olivicola è andata malissimo a causa di un generale crollo dei raccolti, in Lombardia, specie a Brescia, la situazione è opposta. In tutta la regione gli olivi hanno prodotto frutti sani e abbondanti, ottenendo dei risultati eccezionali.

La produzione è stata tale che il Consorzio olio DOP Garda, sollecitato dalle richieste dei produttori, ha chiesto al Mipaaft, in collaborazione con AIPO e AIPOL, una deroga temporanea all’articolo 5 del disciplinare Garda DOP, che stabilisce la produzione massima di olive per ettaro. In via eccezionale, per l’anno 2018, il Consorzio ha ottenuto il permesso per una produzione temporanea di 7500 kg di olive per ettaro, rispetto ai 6000 in vigore nel disciplinare.

Se nel 2017 sono state molite 3.359 tonnellate di olive, nel 2018 la cifra è quasi triplicata con 9.009 tonnellate, producendo 1.235 tonnellate di olio con una resa quasi del 14%.

La grande quantità di olive, però, come afferma il Presidente del Consorzio Laura Turri, non va a discapito della qualità poiché il clima ha permesso di raccogliere frutti al giusto punto di maturazione e in perfetta salute.